Opera Don Calabria Napoli

  • Home » Opera Don Calabria Napoli

|FORMAZIONE GRATUITA|
Corso di Intervita Onlus per volontari sulla cooperazione e sull’educazione alla cittadinanza mondiale.
Iscrizioni aperte fino al 4 aprile 2014
20 posti disponibili.
Sede del corso: Centro I.A.M.M.E. di Frequenza 200 a Napoli
1° incontro: 14 aprile “Intervita e il ciclo di progetto”
2° incontro: 15 aprile “I laboratori di Educazione alla CittadinanzaMondiale”
3° incontro: 16 aprile “Lavorare nelle scuole e sul territorio”
Per informazioni e iscrizioni
FONDAZIONE INTERVITA
Ufficio volontariato
Tel. 02.36.21.53.18
Email volontari@intervita.it

 ***********************


*******************

 ATTIVAZIONE TIROCINI UNIVERSITARI

Sei uno studente della Facoltà di Scienze del Servizio Sociale

o della Facoltà di Psicologia presso la Federico II?

Studi Scienze dell’Educazione al Suor Orsola Benincasa?

Da gennaio, sono attivi i tirocini universitari presso i centri di aggregazione diurna dell’Istituto don Calabria-Napoli.

 

Per maggiori informazioni:

Opera don Calabria

Via Santa Maria Avvocata a Foria, 2

80139, Napoli – ItaliaTel: 081.297688 – Fax 081.5647953

 **************************

 

Ricordiamo alle famiglie ed ai ragazzi, che le attività del Centro I.A.M.M.E.

riprenderanno regolarmente, per tutti gli iscritti, da martedì 7 gennaio 2014.


**************************

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

***************

Giovedì 14 novembre 2013, d

I rappresentanti della Fondazione Cannavaro-Ferrara accompagneranno studenti e docenti del Liceo Psico-Pedagogico di Vicenza alla scoperta delle iniziative e delle attività del I.A.M.M.E. (Includere, Aggregare, Mediare, Motivare, Educare), centro diurno di aggregazione e socializzazione dell’Istituto don Calabria – Napoli per minori, giovani e famiglie esposti ad un forte rischio di emarginazione sociale. Gli ospiti di Vicenza affiancheranno educatori e volontari nelle attività di supporto didattico e didattica alternativa destinate ai ragazzi del Borgo Sant’Antonio Abate.alle ore 14:30 presso il Centro I.A.M.M.E. dell’Istituto don Calabria-Napoli, grazie alla collaborazione della Fondazione Cannavaro-Ferrara, si terrà una giornata di sensibilizzazione contro il disagio sociale di minori e giovani residenti nel Borgo Sant’Antonio Abate (quartiere S.Lorenzo).

Dalle 17:00, grazie al contributo della Fondazione Cannavaro-Ferrara, si inaugurerà la II edizione del Laboratorio di Pizza Artigianale rivolto ai giovani del territorio: una preziosa e imperdibile opportunità di formazione e inserimento professionale. La serata si concluderà con una speciale degustazione di pizze.

Dal 2011, la Fondazione Cannavaro-Ferrara sostiene le iniziative di tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, contribuendo alla realizzazione di laboratori sportivi e ludico-ricreativi, attività di supporto didattico e di avviamento professionale.

L’Istituto don Calabria è un istituto religioso presente in Italia, Russia, Romania, America del Sud, Africa, India, Filippine: svolge, senza scopo di lucro e in apposite strutture, attività volte alla cura e all’assistenza di ammalati, all’educazione e formazione professionale e alla promozione umana prediligendo le persone in stato di disagio e di bisogno.

Da circa quarant’anni, l’Istituto don Calabria è presente a Napoli promuovendo attività sociali con lo scopo di arginare coraggiosamente episodi e fenomeni correlati al disagio sociale. Grazie ad una proficua e costante azione di networking, fin dal 2009, operatori altamente specializzati, professionisti dell’educazione e volontari esperti profondono il proprio impegno giornaliero per offrire una vasta gamma di servizi integrati (in una armoniosa e funzionale logica scuola-famiglia-territorio) finalizzati alla prevenzione primaria, al recupero ed al contrasto di ogni forma di violenza giovanile, con particolare riferimento alla lotta al drop-out, al bullismo e all’esclusione sociale di minori esposti a rischi di discriminazione.

La giornata del 14 novembre costituisce un’occasione di riscatto sociale per minori, giovani e famiglie che, pur vivendo nel ventre della città, sono costretti – quotidianamente – ai margini della società, tra disoccupazione, difficoltà economiche e presenza pervasiva di criminalità organizzata. La partecipazione attiva di ciascuno è necessaria per costruire e realizzare il sogno di una città in cui ogni individuo possa essere libero di crescere nel rispetto dei diritti fondamentali e della dignità umana.

***************

Nell’ambito delle iniziative previste da “Frequenza 200″, programma di contrasto alla dispersione scolastico, co-finanziato da Intervita Onlus, lunedì 28 ottobre alle ore 13.35, i ragazzi del Centro I.A.M.M.E. dell’Istituto don Calabria-Napoli interverranno nella trasmissione “GR1 Ragazzi”: sintonizzatevi su Radio Rai 1! 

***************

IL TEATRO PER LE SCUOLE 
“SEI BORSE DI STUDIO PER MINORI IN DIFFICOLTÀ”
Iniziativa promossa da
Assessorato alle Politiche Giovanili – Comune di Napoli
Assessorato alla Scuola – Comune di Napoli
Teatro Totò e 
Istituto don Calabria 
Conferenza stampa | 17 ottobre | 10.30 |Sala Giunta – Comune di Napoli 

Il giorno 17 ottobre alle ore 10.30 presso la Sala Giunta del Comune di Napoli sarà presentato il Protocollo d’Intesa “Il teatro per le scuole e per i giovani”, promosso dagli assessorati alle Politiche Giovanili e alla Scuola del Comune di Napoli, il Teatro Totò e l’Opera Don Calabria.

Il Protocollo è finalizzato alla prevenzione, al contrasto ed al recupero di tutte le forme di disagio, violenza ed esclusione sociale, in particolar modo dei minori a rischio, attraverso la pratica e la fruizione delle attività teatrali. Tra i promotori, nel duplice ruolo di consigliere municipale e autore di testi per ragazzi, Giovanni Parisi che ha lavorato per mettere in rete i soggetto firmatari del protocollo e che da anni si
batte per la diffusione della cultura teatrale a Napoli.

Il Teatro Totò il 16 ottobre inaugura la sua stagione teatrale con molte iniziative rivolte alle scuole e, quest’anno, mette a disposizione n.6 borse di studio che copriranno i costi di un anno per la scuola di recitazione per i ragazzi e i giovani dei percorsi di educativa
territoriale dell’Opera Don Calabria, struttura operante da 40 anni nel sostegno dei minori e dei giovani a rischio.

Saranno presenti:

Assessore alle Politiche giovanili – Alessandra Clemente

Assessore alla Scuola – Annamaria Palmieri

Referente per l’USR Campania – Rosario D’Uonno

Direttore del Teatro Totò – Enzo Liguori;

Direttore dell’Opera Don Calabria – Giuseppe Marino;

“Arteteca”, duo comico del programma televisivo “Made in Sud “ e

scrittore e consigliere municipale – Giovanni Parisi

 

*******************************

Abbandono scolastico: Italia “lavagna nera” d’Europa

Quasi 700 mila ragazzi italiani, 2 su 10, rischiano ogni anno di abbandonare la scuola senza conseguire un titolo d’istruzione e formazione superiore alla scuola media inferiore (e spesso nemmeno quello), un dato che colloca l’Italia in fondo alla classifica europea. 
Per contrastare il fenomeno, Intervita lancia il progetto Frequenza200, un network che lavora con gli insegnanti, i giovani e le loro famiglie sul territorio nazionale e online con l’obiettivo di riportare a scuola 4000 ragazzi entro il 2016 
Il 1 ottobre 2013, al Senato della Repubblica di Roma, si terrà la conferenza stampa di presentazione della prima Ricerca Nazionale sulla dispersione scolastica, condotta da Intervita in collaborazione con l’Associazione Bruno Trentin e la Fondazione Giovanni Agnelli. Parteciperanno all’evento: Valeria Fedeli, Vice Presidente del Senato della Repubblica, Vincenzo Spadafora, Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Marco Rossi Doria, Sottosegretario all’Istruzione e Marco Chiesara, Presidente di Intervita Onlus.

Presenzierà all’iniziativa anche una delegazione di bambine e bambine del Centro IAMME dell’Istituto don Calabria di Napoli.

Settembre, tempo di ritorno a scuola. Ma non per tutti, purtroppo: ogni anno, infatti, circa 2 ragazzi su 10 non tornano  sui banchi di scuola o lo fanno in modo tanto precario da abbandonare prematuramente ogni possibilità di successo formativo. Per contrastare il fenomeno della dispersione scolastica – condizione che mette molti giovani a rischio di bullismo, violenza, microcriminalità ed esclusione sociale- che ogni anno coinvolge quasi 700 mila ragazzi tra i 10 e i 16 anni, Intervita Onlus nel 2012 ha dato vita a  “Frequenza200”: il primo network nazionale che opera sul territorio e online per fare rete contro questo fenomeno.
A ottobre Intervita presenterà “Lenti a Contatto” – il primo dossier sulla dispersione scolastica che raccoglie gli interventi portati avanti in tre Regioni italiane e illustra gli obiettivi del progetto triennale – e lancerà la prima Ricerca Nazionale sulla dispersione scolastica per quantificare l’incidenza della dispersione scolastica sul  PIL italiano e i relativi investimenti del privato sociale. La ricerca promossa da Intervita, insieme all’Associazione Bruno Trentin di CGIL e Fondazione Giovanni Agnelli, è un progetto innovativo ed indispensabile per comprendere l’impatto del sommerso sulla dispersione scolastica.

La dispersione scolastica in Italia ha infatti dimensioni allarmanti. Con il 18,8% di ragazzi che abbandonano gli studi, l’Italia è in fondo alla classifica europea e continua a scontare un gap con gli altri Paesi la cui media  è pari al 14,1%[1], come ad esempio la Germania dove la quota è sensibilmente più bassa (10,5%), o la Francia (11,6%) e il Regno Unito (13,5%)[2]. Un divario che aumenta se guardiamo al Sud, dove la media è del 22,3%, mentre si riduce nel Centro-Nord dove si attesta al 16,2[3]%. Va tuttavia sottolineato che, rispetto alla situazione del 2000, quando gli early school leavers risultavano il 25,3%, è stato fatto un primo passo importante per il raggiungimento degli obiettivi della strategia di Europa 2020 nel campo dell’istruzione che prevedono una riduzione del tasso di abbandono scolastico al di sotto del 10%.

“Con Frequenza200 promuoviamo un modello di intervento per sostenere il dialogo tra le istituzioni nazionali, le famiglie e gli enti locali per confrontarsi sulle buone pratiche e favorire un’attenzione maggiore sul tema dell’educazione. Un tema, questo, che per noi di Intervita è prioritario e che ha determinato la nostra entrata in azione in Italia: attraverso un programma triennale ci siamo infatti posti l’obiettivo di ridurre l’abbandono della scuola  riportando sui banchi 4.000 studenti a rischio ” dichiara Marco Chiesara, Presidente Intervita Onlus.

Frequenza200 – come il numero di giorni di lezione obbligatori che la scuola deve garantire per legge in Italia – è il network attivo dal 2012 in tre regioni italiane (Lombardia, Campania e Sicilia) che mira a valorizzare la relazione tra la scuola e il territorio in cui si trova. Frequenza200, infatti, coinvolge gli insegnanti, i dirigenti scolastici, i giovani e le loro famiglie, e gli operatori sociali in attività educative e permette loro di condividere sulla piattaforma online le buone pratiche e le proprie esperienze per metterle a sistema ed individuare un modello di intervento efficace, replicabile e sostenibile.

Il progetto pilota
Il progetto pilota triennale, svolto a partire dal 2012 nelle città di Milano, Napoli e Palermo, coinvolge 2500 ragazzi nelle tre città, oltre 2500 famiglie, 800 insegnanti, 600 mamme e 100 operatori informali (tra bar, commercianti, edicolanti, centri anziani, etc.). Il progetto prevede l’attività di un centro diurno operativo 5 pomeriggi alla settimana con attività educative condivise con le istituzioni del territorio, in particolare la scuola dell’obbligo e i servizi sociali. Per creare un’equipe d’intervento omogenea, i percorsi educativi prevedono diverse tipologie di attività: di supporto scolastico e relazionale con i ragazzi, di counseling e rinforzo delle competenze genitoriali con le famiglie e, in ultimo, di formazione degli insegnanti con le scuole, verso i beneficiari.

Per maggiori informazioni:

www.frequenza200.it

www.intervita.it

*******************************

Ricordiamo alle famiglie ed ai ragazzi, che le attività del Centro I.A.M.M.E.

riprenderanno regolarmente, per tutti gli iscritti, da lunedì 23 settembre 2013 .

Per maggiori informazioni, si prega di contattare la nostra Segreteria.

*******************************

 *******************************

 *******************************

Da lunedì 8 luglio a venerdì 19 luglio 2013, il Centro I.A.M.M.E. ospiterà le attività del campo estivo “Ma che Storia”.

Le attività si svolgeranno tutti i giorni, dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e coinvolgeranno ragazze e ragazzi di età compresa tra i 9 ed i 15 anni, afferenti al GRest, il gruppo estivo composto dai giovani delle parrocchie e del Centro IAMME.

Vi aspettiamo!

*******************************

Si avvisano le famiglie e i ragazzi che
il giorno 28 giugno 2013 il Centro I.A.M.M.E. resterà chiuso.
Le attività riprenderanno regolarmente dal giorno 1 luglio 2013, dalle ore 10:00 alle ore 13:00.

 *******************************

 *******************************

 *******************************

I ragazzi di Frequenza 200 si incontrano a Napoli

 28- 30 giugno: Primo Camp dei ragazzi di FREQUENZA200

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da Milano, Napoli e Palermo 50 bambini a rischio di abbandono scolastico si incontrano per la prima volta per condividere storie, idee, emozioni e scoprire un nuovo modo di imparare insieme

Dal 28 al 30 giugno si celebrerà un avvenimento importante: per la prima volta i bambini a rischio di abbandono scolastico che fanno parte del progetto Frequenza200 di Intervita si incontrano a Napoli per raccontarsi emozioni e prime impressioni del percorso che ciascuno ha intrapreso frequentando i centri diurni e iniziare a ragionare su un modo nuovo di imparare insieme.

Il Camp di Frequenza200 si terrà presso il Centro I.A.M.M.E di Napoli e saranno coinvolte – tra ragazzi, operatori e volontari – circa una cinquantina di persone provenienti dai centri F200 di Milano, Napoli e Palermo. Tre giorni per condividere le proprie esperienze, emozioni e gettare i semi per nuove riflessioni.Ogni giornata sarà dedicata a tematiche specifiche, con l’obiettivo di sensibilizzare i bambini su concetti come l’integrazione sociale, il tempo che si ha a disposizione per se e per gli altri e le differenze di genere. Al Camp sono attesi personaggi di spicco della cultura e dello spettacolo che aiuteranno Intervita a diffondere con maggior forza i propri messaggi e regaleranno ai bambini una visione inedita del loro percorso.

Il Camp si svolgerà grazie all’attività di educatori e volontari che coinvolgeranno i ragazzi in laboratori e giochi di gruppo per indagare gli aspetti positivi del percorso fatto insieme e i desiderata per il futuro. I ragazzi di Frequenza200 appartengono a quartieri problematici delle città di Milano, Napoli e Palermo e spesso a famiglie vulnerabili. Ognuno di loro ha trovato nei centri diurni di Intervita una valida alternativa alla vita di strada.

Dopo una prima giornata di conoscenza reciproca e primo scambio il Camp entrerà nel vivo e la seconda giornata sarà dedicata ai temi del tempo e dell’integrazione.Obiettivo degli incontri è avviare un confronto fra i ragazzi per riflettere sulla questione degli stereotipi e stimolare proposte per abbattere le barriere culturali. Anche in questo caso, saranno organizzati giochi di squadra tramite i quali i ragazzi avranno modo di riflettere sulla possibilità di un incontro con l’Altro e sulle condizioni in base alle quali può avvenire. Il tema dell’integrazione si intreccia con quello del tempo nella misura in cui spesso rifiutiamo di accogliere gli altri nel nostro mondo perché abbiamo poco tempo da dedicare loro o perché riteniamo che non ci sia mai abbastanza spazio per tutti. Sempre con l’obiettivo di favorire l’interculturalità, per la sera è prevista la “Gita Zi Riccardo”, un viaggio attraverso la tradizione campana con musica popolare, dimostrazioni pratiche su come si costruiscono strumenti artigianali e degustazione di piatti tipici.

L’ultimo giorno ha come tema principale la donna. A continuazione del percorso iniziato con i ragazzi questo inverno sui diritti delle mamme e i ruoli della figura femminile in famiglia e nella società, saranno organizzati giochi per capire cosa significano per loro i termini “maschile” e “femminile” e come vivono le differenze di genere nella propria quotidianità. Nel gioco “La donna del 3013”, ad esempio, ai bambini sarà dato il compito di immaginarsi la donna del futuro, che cosa cambierà rispetto al presente e cosa invece rimarrà immutato. A chiudere la giornata un’ultima gita per esplorare il sottosuolo partenopeo, con visita alle cave di tufo, all’acquedotto, al tunnel borbonico e ad altre attrattive “sotterranee” della città.

Per rendere indimenticabile la chiusura del Camp, bambini, educatori e volontari mangeranno tutti insieme la pizza realizzata nel forno a legna del centro I.A.M.M.E, un’attività che è parte integrante della proposta formativa di Napoli. Un ultimo momento goloso per condividere ancora emozioni insieme!

Camp di Frequenza 200
28 – 30 giugno
Centro I.A.M.M.E
via Santa Maria Avvocata a Foria, 2 – Napoli

 

Scarica qui il programma completo dell’evento.

 ****************************************

Il Centro I.A.M.M.E. si racconta sul notiziario “L’amico”, dell’Opera don Calabria.


 


Contenuti a cura dell'Opera don Calabria Napoli (Tel: 081.297688 Fax: 081.5647953) Personalizzazione Grafica & SEO: reverse Design